Ansia

Come combattere lo stress fisico ed emotivo

come combattere lo stress

Ti è mai capitato di sentirti stressato? Se la tua risposta è sì, appartieni al 97% degli italiani che, secondo Assosalute, ha attraversato un periodo di stress almeno una volta nella vita. Come vedi, si tratta di dati che parlano da soli. La società di oggi impone una serie di attività, tra lavoro, famiglia e svago, alle quali è difficile reggere senza vivere dei periodi di difficoltà. Ma come combattere lo stress che deriva da tutto questo?

Prima di capire quali possono essere le buone abitudini e i rimedi naturali per ridurre ed eliminare lo stress, cerchiamo di capire come sia possibile ritrovarsi in mezzo a una situazione che non riusciamo più a gestire.

Stress: cosa fare?

Lo stress deriva da un momento in cui si deve vivere e superare una situazione difficile o impegnativa. Se la difficoltà permane per un limitato periodo di tempo, all’interno dell’organismo si innesca un meccanismo che, dandoci una “scossa di energia”, ci consente di ottenere delle prestazioni migliori. Il cuore accelera i battiti, la respirazione e la pressione sanguigna aumentano, la tensione sale. Ma si tratta di stress positivo, che porta a una maggior concentrazione. Non ci sono conseguenze negative per mente e corpo che, in poco tempo, rientrano nella condizione di normalità.

Il problema sorge quando le richieste provenienti dall’ambiente esterno si protraggono a lungo e ci troviamo a vivere una situazione stressante in modi e tempi molto più ampi di quelle che le nostre capacità fisiche ed emotive possono reggere.

Come combattere lo stress? Il primo passo è riconoscerlo

Troppo lavoro, troppa pressione, disturbi del sonno, sindrome post traumatica. I fattori che possono provocare e aggravare una situazione di stress sono molti.

I primi segnali per riconoscerlo sono:

  • mancanza di energia
  • nervosismo
  • senso di stanchezza
  • difficoltà di concentrazione

In particolare, lo stress fisico si manifesta attraverso:

  • dolori alla testa, alla schiena, alla mandibola, al collo
  • insonnia o eccessiva sonnolenza
  • difficoltà di digestione
  • sudorazione o tremore
  • senso di oppressione al petto
  • pressione alta
  • cambiamenti al desiderio sessuale

I principali sintomi dello stress emotivo, invece, sono:

  • sensazione di incapacità di portare a termine qualcosa
  • ansia e depressione
  • irritabilità
  • tristezza
  • malumore

Perché dobbiamo allarmarci in presenza di una o più di queste manifestazioni psico-fisiche?

Se la situazione stressante si prolunga nel tempo, lo stress diventa cronico, portando ad alterazioni del metabolismo, della secrezione ormonale, all’abbassamento delle difese immunitarie, con conseguenze negative anche sull’apparato cardiocircolatorio e respiratorio. Altra grande problematica riguarda l’assuefazione: la persona che vive in una situazione di stress cronico si abitua ai sintomi fisici ed emotivi che si manifestano e ne perde consapevolezza. L’anormalità diventa così normalità, ma i rischi si fanno sempre più reali.

Come combattere lo stress in 5 mosse

Per evitare tutte le spiacevoli conseguenze che ne possono derivare, è fondamentale affrontare tutti i sintomi e le cause dello stress. Come? Facendo un passo indietro e prendendosi una pausa, dedicandosi a qualche attività benefica per mente e corpo.

Impegnarsi in altro consente di scaricare lo stress e migliorare la percezione di sé.

Togliere lo stress svolgendo attività fisica

L’effetto antistress dell’esercizio fisico è risaputo. Ogni attività fisica, se praticata con regolarità, fa sì che l’organismo produca endorfine. La conseguenza è una sensazione positiva di energia e vitalità che, automaticamente, aiuta a allontanare via via lo stress. Non è necessario diventare dei campioni di triathlon; è sufficiente una camminata di 20 minuti al giorno; l’importante è la costanza.

Combattere lo stress psicologico con meditazione e respirazione

In periodi di forte stress, respiriamo più velocemente. Questo avviene perché la tensione muscolare porta ad accelerare la frequenza di inspirazione ed espirazione, che si completano senza riempire completamente i polmoni. Per eliminare lo stress, è possibile concentrarsi sulla respirazione, orientandosi verso quella diaframmatica, più lenta e controllata. Bastano 10 minuti al giorno per ottenerne i primi effetti sull’intero organismo.

Un altro rimedio per sconfiggere lo stress è la meditazione. Potremmo dedicare un libro intero alla pratica della mindfulness, ampiamente utilizzata per trovare una connessione con i propri pensieri e le proprie emozioni. I suoi benefici possono essere davvero evidenti e far riscoprire un inesplorato Io alla persona che la pratica.

Oltre alla meditazione pura, esistono varie tecniche di rilassamento, che portano l’organismo a trovare uno stato di serenità e tranquillità; non sollecitato a rispondere alle richieste dell’ambiente esterno, è meno sottoposto a stress.

Affrontare lo stress con una corretta igiene del sonno

In una situazione stressante, è probabile che di notte facciamo difficoltà ad addormentarci. Cosa succede? I glucocorticoidi, gli ormoni responsabili dell’attivazione fisiologica, tengono attivato il cervello. Non dormire o dormire male, però, ha come diretta conseguenza la difficoltà di concentrazione e di memorizzare concetti e dati che, a sua volta, può peggiorare la situazione.

Per non aggravare lo stress e sconfiggerlo, lavorare sul ciclo sonno-veglia diventa quindi fondamentale. Per agevolarlo e coricarsi completamente rilassati, è possibile:

  • creare una routine del sonno, sviluppando una buona abitudine da mantenere ogni sera negli ultimi 10 minuti prima di coricarsi
  • mangiare leggero, per non appesantire la digestione
  • creare un ambiente adeguato al sonno, con una temperatura non superiore ai 18 gradi

È possibile, inoltre, assumere un integratore naturale come Anstea, che interviene immediatamente sugli stati dell’ansia lieve e dello stress. Grazie alla rapida azione della L-Teanina di cui è composto, in circa 30 minuti induce un fisiologico rilassamento, mitigando lo stress e migliorando concentrazione e attenzione; successivamente agisce sul tono dell’umore, strettamente correlato allo stress e all’ansia lieve, grazie all’azione dello zafferano (presente anche in Zavomel), permettendo di mantenere un benessere fisico e psicologico ottimale.

L’azione di Anstea è particolarmente vantaggiosa in quanto stimola direttamente la produzione di onde cerebrali alfa, responsabili di un profondo stato di rilassamento. Allo stesso tempo, mantiene un cognitivo libero e privo di sedazione – situazione spesso riscontrabile con l’utilizzo di altri prodotti o di altri principi attivi naturali della stessa categoria. La sua altissima tollerabilità lo rende adatto a tutte le età e a diverse situazioni.

Eliminare lo stress accumulato con alimentazione e idratazione

Sicuramente una buona alimentazione aiuta a combattere stress e ansia. Deve quindi essere sana, ricca di cereali, legumi, olio extravergine di oliva, frutta e verdura, pesce. Da tenere alla larga invece i cibi confezionati, zuccherati e/o con dolcificanti, responsabili dell’aumento del cortisolo nel sangue, che determina un peggioramento della situazione stressante.

Anche l’idratazione è molto importante. Quando siamo stressati, infatti, tendiamo a essere disidratati. Questo, per l’organismo, significa aumento della pressione, maggior irrorazione dei muscoli, minor capacità cognitive e di concentrazione. Bere di più lontano dai pasti aiuta a ridurre gli effetti negativi dello stress.

Via lo stress con amici e parenti

Come combattere lo stress se non adottando un comportamento opposto a quello istintivo? Lo stress ci induce e ridurre i rapporti interpersonali e le attività di svago. La conseguenza non può che essere deleteria per mente e corpo. Al contrario, uscire, condividere momenti ed esperienze, dedicarsi ad attività con altre persone, rappresentano uno dei più potenti antistress.

Attenzione!
Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo, non sostituiscono la consulenza medica. Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni qui riportate sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *