Depressione

Sondaggio evidenzia crollo del benessere mentale durante la pandemia

sondaggio benessere mentale pandemia

In alcuni articoli pubblicati sul nostro blog abbiamo illustrato l’aumento dei disturbi mentali, in particolare ansia e depressione, registrato in questi lunghi mesi di pandemia

Di recente Eurofond, la European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions – l’agenzia tripartita dell’UE che fornisce conoscenze per contribuire allo sviluppo di migliori politiche sociali, occupazionali e legate al lavoro – ha pubblicato un sondaggio dal titolo Living, working and COVID-19: Mental health and trust decline across EU as pandemic enters another year”, dal quale emerge una fotografia alquanto preoccupante. 

L’obiettivo del sondaggio era quello di indagare l’impatto della pandemia sul benessere, la salute e sicurezza, lavoro e telelavoro, equilibrio tra lavoro e vita privata e situazione finanziaria

Concentriamoci sull’impatto che la pandemia ha avuto sulla salute mentale degli intervistati, più di 190.000 persone over 18 provenienti da tutta l’Unione Europea. 

Il crollo del benessere mentale in Europa

Il sondaggio registra un crollo del benessere mentale nell’UE nel suo complesso, misurato utilizzando il “WHO-5 mental well-being index”, secondo il quale valori al di sotto del 50 indicano un elevato rischio di sviluppare sintomi depressivi.

Stando ai dati acquisiti, il benessere mentale è diminuito in media da 53 a 45 nel EU27 tra l’estate 2020 e la primavera 2021.

depressione UE

Com’è facile intuire, il deterioramento della salute mentale è particolarmente evidente tra coloro che hanno perso il lavoro: nell’estate 2020, questo gruppo aveva un punteggio WHO-5 di 42 ma nella primavera del 2021 è crollato a 35. 

Giovani e donne i più colpiti

Si registra una significativa diminuzione del benessere mentale in tutte le fasce d’età, anche se i più giovani e le donne hanno manifestato un disagio maggiore, come si evince da questa tabella.

depressione UE giovani e donne

Nella primavera del 2021 c’è stato un aumento complessivo in termini di sentimenti negativi, come tensione/ansia, solitudine e depressione, nella maggior parte dei gruppi sociali nell’UE. 

Un aumento sostanziale della depressione è stato registrato in particolare tra i gruppi più giovani (+13 punti percentuali sia per i giovani che per le donne), mentre il più alto aumento della solitudine è stato registrato per donne over 50 (+13 punti percentuali).

Questo dato, in realtà, non stupisce, perché la pandemia ha colpito in modo molto violento soprattutto la vita delle donne con figli e dei più giovani, ai quali è stata tolta quasi ogni forma di socialità, a partire dalla scuola, con evidenti ricadute sull’umore e lo stato d’animo. 

Conclusioni

Dal sondaggio Eurofond emerge in modo inequivocabile che il benessere mentale ha raggiunto il suo livello più basso in tutte le fasce d’età dall’inizio della pandemia

Questo è particolarmente vero tra i giovani e coloro che hanno perso il lavoro.

Ansia, depressione, disturbi mentali vari, stanno diventando sempre più diffusi, soprattutto nelle fasce di età più giovani, aggravando una situazione già tutt’altro che rosea. 

Se in questi lunghi mesi hai sperimentato sintomi di ansia o depressione, non esitare a rivolgerti al tuo medico e intraprendere un percorso di guarigione

Attenzione!
Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo, non sostituiscono la consulenza medica. Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni qui riportate sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *