Ansia

Si calcola che 264 milioni di adulti soffrano d’ansia nel mondo

statistiche ansia nel mondo

I disturbi d’ansia sono molto più diffusi e frequenti di quanto si possa pensare, e la pandemia non ha fatto altro che acuire un già pressante problema socio-sanitario

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, si stima che 264 milioni di adulti in tutto il mondo soffrano di ansia.

casi di disturbi d ansia nel mondo

Di questi adulti, 179 milioni sono donne (pari al 63%) e 105 milioni uomini (il 37%)

Si tratta di un numero davvero enorme di persone (pari a quasi il 4% della popolazione mondiale), e sottolineiamo che da questa stima sono esclusi gli under 18, che non sono affatto immuni a questo tipo di disturbo, anzi. 

Ne abbiamo parlato sul nostro blog in articoli dedicati al mutismo selettivo e ai disturbi dell’attenzione

Se, infatti, includiamo nella statistica tutte le fasce di età, quindi anche i più giovani, arriviamo a 284 milioni di persone nel 2017.

Ma approfondiamo un po’ questo tema, e andiamo a elencare di seguito alcuni dati e statistiche relative alla diffusione di disturbi d’ansia nel mondo

Statistiche sui disturbi d’ansia

Riportiamo alcune statistiche molto interessanti relative alla diffusione dei disturbi d’ansia nel mondo, riprese da fonti autorevoli come OMS, Our World in Data, National Institute of Mental Health, Anxiety and Depression Association of America (ADAA)

1. Prevalenza dei disturbi d’ansia per sesso

In tutti i paesi le donne hanno maggiori probabilità di soffrire di disturbi d’ansia rispetto agli uomini. 

  • I disturbi d’ansia sono più comuni nelle donne che negli uomini;
  • l’ansia colpisce il 23% delle donne adulte e il 14% degli adulti di sesso maschile;
  • l’ansia è anche più diffusa nelle adolescenti di sesso femminile rispetto agli adolescenti di sesso maschile (di età compresa tra 13 e 18 anni); 
  • nel periodo 2001-2004, il 38% delle adolescenti di sesso femminile aveva un disturbo d’ansia contro il 26,1% degli adolescenti di sesso maschile;
  • le donne hanno il doppio delle probabilità di soffrire d’ansia generalizzata rispetto agli uomini;
  • la prevalenza del disturbo ossessivo compulsivo nelle donne e negli uomini è uguale e colpisce 2,2 milioni di adulti.

2. Prevalenza dei disturbi d’ansia per età

prevalenza disturbi d ansia per eta e sesso
  • quasi un terzo (31,9%) degli adolescenti (età 13-18) ha avuto un disturbo d’ansia tra il 2001 e il 2004. Di questi adolescenti, il gruppo di età tra i 17 ei 18 anni è stato il più colpito;
  • è stato scoperto che l’ansia generalizzata colpisce il doppio degli adulti di età compresa tra 26 e 49 anni rispetto al gruppo di età pari o superiore a 50 anni;
  • i giovani di età compresa tra 30 e 44 anni sono stati i più colpiti da disturbi d’ansia a partire dal 2017, seguiti dal 22,3% di quelli di età compresa tra 18 e 29 anni e dal 20,6% di quelli di età compresa tra 45 e 59 anni;
  • i 60enni e oltre sono la fascia di età meno colpita a partire dal 2017.

3. Prevalenza per Regione

A livello mondiale, la prevalenza di casi di ansia è più elevata in alcuni Paesi, in particolare negli USA, che ha percentuali molto superiori al resto del mondo.

prevalenza disturbi d ansia per regione

Con questo grafico si può capire meglio la diffusione del problema nei vari Paesi

Le aree verde scuro sono quelle con il tasso di disturbi d’ansia più elevato, mentre quelle in verde chiaro quelle con i livelli più bassi.  

4. Prevalenza per PIL pro capita

I disturbi d’ansia sono abbastanza democratici e trasversali, colpiscono in modo molto diffuso sia i Paesi ricchi che quelli poveri o in via di sviluppo, ma i dati confermano che la prevalenza risulta maggiore in particolare nelle nazioni con un PIL pro capita più elevato, con qualche eccezione, come il caso del Brasile, del Paraguay e dell’Iran.

Per una visione più chiara della diffusione dei disturbi d’ansia in ogni singolo Paese, consigliamo di consultare la tabella che segue. 

Conclusioni

Per numeri, prevalenza ed entità, i disturbi d’ansia rappresentano il disturbo mentale o del neurosviluppo più diffuso al mondo, configurandosi come una vera e propria emergenza. 

Purtroppo, i dati disponibili si fermano a qualche anno fa, e gli studi recenti hanno evidenziato un aumento molto importante dei casi di ansia, depressione e disturbi del sonno a causa della pandemia.

Se a questo aggiungiamo una fetta molto consistente di soggetti affetti da disturbi d’ansia ma che non si sono rivolti ad un medico specialista per ricevere una diagnosi adeguata, il quadro potrebbe essere molto più grave.

Attenzione!
Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo, non sostituiscono la consulenza medica. Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni qui riportate sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *